Archive for the 'letture' Category

il rosmarino è una Salvia

Ebbene sì, i rumor sono confermati: l’arbusto che tutti conosciamo con il nome di rosmarino è, da indagini sul DNA, una Salvia. Lo riporta un articolo della rivista The Garden – la pubblicazione della RHS per gli abbonati, che un tempo permetteva di leggere alcuni articoli in pdf e ora non offre più questo servizio gratuito, ma ho visto che ci sono dei podcast (non li ho ancora ascoltati). Ne traduco qui uno stralcio:

John David, capo della sezione di tassonomia botanica della RHS, ha riconosciuto che, data la popolarità della pianta in questione, la modifica del nome non sarà accolta senza resistenze.

“È comprensibile che chiunque sia coinvolto nel giardinaggio trovi ostici i cambiamenti di nome, soprattutto se si tratta di piante note e ampiamente coltivate come il rosmarino. Tuttavia, non possiamo ignorare ciò che ci dice la scienza e la chiarezza riguardo al DNA di una pianta ci aiuta a capire meglio le sue esigenze colturali. I giardinieri amatoriali non devono allarmarsi: il nome comune “rosmarino” rimarrà.”

(Grazie John, we do appreciate)

Un altro genere che confluirà in Salvia è la Perovskia atriplicifolia che si chiamerà Salvia yangii – il rosmarino è Salvia rosmarinus. Fa strano, ma è proprio così.

Henk Gerritsen, Essay on gardening – (seconda e ultima parte) –

A questo punto non vorrei aver dato l’impressione che si tratta di un libro esclusivamente di teoria e filosofia del giardino, non lo è per nulla. In tutte le sue parti è ricchissimo di esempi pratici di consociazioni vegetali, parla con conoscenza profonda di piante, di animali, di terreno, di coltivazione. Nomina, con cognizione di causa, centinaia di specie; rare, comuni, poco importa.
C’è solo un criterio che deve essere soddisfatto: che le piante diano un contributo sostanziale all’aspetto complessivo del giardino

Species that can bridge the gap between what I want as a plant lover – to grow special plants in my garden (who, after all, would bother to cultivate plants in one’s own garden that grow everywhere in road verges?) – and what I aim for as a designer – to evoke the most natural image possible.

Consapevole che si tratta di un compromesso tra ciò che vorremmo vedere ed evocare e ciò che Madre Natura ha deciso per quel posto; una specie di trattativa soft, il gioco di cui si parlava all’inizio.

In questo senso giudica superato l’approccio, che lui definisce “decorativo”, di Gertrude Jekyll, a favore di una visione ecologica del giardino – in soldoni meno colore e più attenzione alle tessiture e alla qualità architettonica di alcune piante. Schematizzando: una primavera fresca di blu, giallo e bianco, un’estate di colori caldi (rosa, rosso e porpora) e un finale in rosso scuro, ruggine e marrone – i colori naturali delle stagioni, senza forzature.

A questo punto il libro prende una piega meno interlocutoria e affronta alcuni aspetti pratici che diventano veri e propri comandamenti.

– Prima di tutto è bandito l’uso di sostanze chimiche.

the use of fertilizers and chemical herbicides is a mortal sin

E viene detto non da un fatuo idealista, ma da una persona che ogni giorno affronta le difficoltà e la fatica di curare un giardino; insomma, non possiamo permetterci di essere pigri, ma cerchiamo soluzioni alternative

Those who allow nature to at least take its course to a certain degree may witness fantastic results

– Secondo comandamento: cercare di lasciare il terreno indisturbato.

Ciò significa fare molti lavori a mano: tagliare ciò che non vogliamo vedere, levare le piante che si sono disseminate in quantità eccessiva, passare per i sentieri calpestabili e togliere le infestanti man mano che le vediamo crescere. Non occorrono mezzi pesanti, possiamo anche lasciare il materiale di risulta direttamente nelle aiuole come pacciamatura e nutrimento (non storcete il naso, l’ho visto fare in un bellissimo giardino che visito regolarmente e funziona – certo, se avete l’accortezza di depositare ciò che avete tagliato con un minimo di garbo).

– Terzo comandamento: essere parchi nell’uso dell’acqua.
Accettare come cambia l’aspetto del giardino nel corso dei mesi in accordo con la visione complessiva della natura circostante – prati che ingialliscono d’estate, meno fioriture, alcune piante che vanno in dormienza, etc.

A garden kept in a constant state of spring by means of ingenious sprinkling devices, while the surrounding landscape in parched, is an alienating sight: it lacks a “sense of place”.

– Quarto e ultimo comandamento (che mi ha fatto ridere assai): non lagnarsi.
Come dargli torto? Non è obbligatorio avere un giardino, di sicuro mantenerlo costa fatica, ma la scelta è nostra – molto semplice.

Those who think that even that is too much work don’t deserve to have a garden. They should pave their garden and consult an enterior designer to furnish an “outdoor room” for them.

E ora arriviamo a una delle parti più interessanti del libro, H.G. inizia a parlare della progettazione e lo fa attraverso due esempi: Waltham Place – una grande tenuta nel Berkshire – e i Priona Gardens – la sua proprietà nei Paesi Bassi.

Waltham Place

Prima di tutto alcuni consigli veloci ma estremamente ponderati (è tutto qui il piacere di leggere un libro che riporta un’esperienza sedimentata negli anni: vedere snocciolato un percorso che è stato costruito nel tempo; mi spiego meglio, non c’è niente di superficiale, anche quando parla alla spicciolata dice cose preziose perché sono il frutto di un vero lavoro sia sul campo che di profonda osservazione) riguardo al suo modo di progettare.

– Nel caso ci sia una piantumazione precedente di pregio occorre preservarla e darle ulteriore valore.

– Bisogna fare attenzione al paesaggio circostante e cercare di incorporarne la vista. In caso contrario, qualora non ci siano viste privilegiate, occorre dare profondità agli spazi e cercare di nascondere gli scorci inadeguati.

– In questo disegno di pieni e vuoti è bene tenere sotto controllo le spese e limitare l’uso di materiali non vegetali. La chiave nella scelta dei materiali deve essere la funzione

Function is key: expensive and conspicuous materials divert attention away from the plantings.

– È bene scegliere, quanto più è possibile, materiali vivi e vitali, soggetti a cambiare e a mutare il proprio aspetto col passare del tempo.

– È importante conoscere la persona che si occuperà della manutenzione del giardino; sapere quanto impegno, quanta conoscenza e quanta dedizione saranno dedicati al verde – la progettazione dovrà necessariamente tenere conto di questo fattore chiave per la buona riuscita complessiva di un lavoro.

A questo punto arriva una delle questioni più difficili da affrontare nel disegno di un giardino, la contrapposizione di progetto e planting

a garden’s success depends entirely on the design VS the planting has priority over the design

Sostanzialmente non esiste una soluzione, ma esistono casi diversi e soluzioni che di volta in volta funzionano, senza dover essere troppo rigidi nell’approccio.

For me, personally, the goal is to capture the emotion that overcomes me when I see a sublime landscape or a fabulous alpine meadow within the confines of a garden.

A questo proposito torna utile ricordare una considerazione che aveva fatto in precedenza a proposito della gestione delle parti più selvatiche: quanto più saranno ordinate e ben manutenute le zone formali, tanto più guadagneranno in incisività e rigore le zone di piantumazione spontanea. Banalmente, tenere in ordine i prati e i bordi delle aiuole, senza sconfinamenti disordinati, fa percepire immediatamente il disegno complessivo del giardino.

Riguardo all’arte topiaria, per H.G. si tratta quasi di un’ossessione e di un lento processo di appropriazione sia di idee che di tecniche.
In particolare è arrivato a padroneggiare l’arte astratta nella potatura, con riferimento alla topiaria del cimitero di Tulcan in Ecuador (consiglio vivamente di cercare delle immagini, sono davvero di una bellezza commovente) e in parte anche alla scultura di Henry Moore e ai camini di ventilazione delle architetture di Antoni Gaudì. L’individuazione di modelli soddisfacenti non è stato un processo semplice, H.R. ha sempre cercato idee astratte, divertenti e che non simboleggiassero nulla più del loro aspetto, che in sostanza testimoniassero solo la propria presenza.

It turned out to be a lucky shot. Not only the “whim topiary”, but the garden around it also gained tremendous power of expression.

La topiaria “eversiva” a Schuinesloot, inoltre, ha messo in rilievo che anche forme stravaganti e inedite (anzi, forse proprio per quello) danno un ordine, un rigore e soprattutto una logica, una base fissa immutabile sulla quale giocano i volumi sempre in movimento delle erbacee.

the design of the garden acts as a stabilizing factor.

Da qui inizia una parte di puntuale descrizione di alcune piante che ha usato nei giardini. Una descrizione molto libera, con piccole foto e garbati disegni a china.

Alla fine una buffa definizione del giardiniere, personaggio dalla quadrupla personalità: ancorato alla terra, con la testa per aria pronta a sentire il futuro, con gli occhi che osservano ardenti, ma anche consapevoli dell’impermanenza del lavoro che scorre come acqua tra le dita.

Quarantacinque euro ben spesi, secondo me ;)

Henk Gerritsen, Essay on gardening – (prima parte) –

Ho letto il saggio di H.G. e mi è molto piaciuto, spero di fare cosa gradita riportandone alcuni argomenti che ritengo interessanti e utili a chi si occupa di piante e giardini, sia in maniera professionale che come frequentatore più o meno entusiasta.
(Divido le considerazioni in due parti perché è un testo un po’ lunghino. Domani arriva il resto.)

HENK GERRITSEN
Essay on gardening
Architectura & Natura Press, Amsterdam

Non credo occorra dire chi è stato – e ancora è, negli scritti – Henk Gerritsen (1948/2008). Ha progettato alcuni giardini in Olanda e in Gran Bretagna ed è l’artefice dei Priona Gardens. Viene principalmente nominato quando si parla di Piet Oudolf, che infatti ha scritto una nota iniziale al libro, molto sentita, di schietta amicizia e grande vicinanza umana e professionale. Oudolf tributa a Gerritsen molte delle sue scelte, soprattutto la visione complessiva di un’idea nuova di giardino che è arrivato a elaborare grazie alle conversazioni avute insieme al manipolo di artisti e giardinieri che dagli anni ’80 gravitavano attorno al piccolo mondo di Hummelo e Schuinesloot.

Al momento non si trova moltissimo su web, a meno che siate fluent in olandese:
Priona Gardens
Priona
Priona su Instagram
Priona restaurant
(gli ultimi due sono i profili Instagram del ristorante di Priona).

Perennial Meadows
Garden Visit
qui trovate notizie recenti in lingua inglese.

Prima di tutto si tratta di un libro molto corposo: lungo, denso di scrittura e concetti, in un inglese ben leggibile anche per i non madrelingua, ma ugualmente, a tratti, complesso. Si sente che è un libro nato da una lunga esperienza, maturo, che porta concetti elaborati in anni di vera esperienza sia sul campo che speculativa.
Nonostante questo, riesce a mantenere con il lettore un tono interlocutorio che, letteralmente, fa entrare e accomodare nella discussione, non chiude la visione ma è aperto. Paradossalmente: dà molte risposte, ma non esclude percorsi alternativi.
Oltre allo scritto, le immagini sono molto belle, riescono a spiegare senza essere scolastiche, sono di qualità, ma non estetizzanti, sono legate al testo, ma danno suggestioni di ampio respiro.

Nell’introduzione H.G. mette subito in chiaro che avere a che fare con la natura non è un gioco ad armi pari, la natura è considerevolmente più potente

Even though nature is a reliable and transparent adversary, it sometimes makes moves that are beyond a human being’s comprehension.

È solo accettando questo assunto che possiamo agire in natura, con indomita arrendevolezza e imparando umilmente a carpirne i segreti e acquisire pratica. Consapevoli di avere a che fare con una materia che, pur affidabile e cristallina nelle sue regole, ci scappa un po’ da tutte le parti. Alla fine

Winning is not an option, and cheating is altogether useles.

E devo ammettere che sapere la natura sempre maestra e sempre corretta è anche piuttosto rilassante. So che giocheremo insieme, imparerò e ci potremo divertire; lascio a casa le sovrastrutture e vado fiduciosa incontro a una sconfitta costellata di tante piccole vittorie.

La parte successiva parla dell’ispirazione e la lega a paesaggi naturali e giardini costruiti. Parla di piante, ambienti e animali e ci trasmette la sua concezione secondo la quale

I began to understand that the function of plant communities in nature is lost when you imitate them in the restricted space of a garden.

La natura ha ampi spazi, grande capacità di ricucire, ricostruire, plasmare, eliminare, accogliere. Le campiture di fiori sono tanto belle quanto sfuggenti, mutevoli, illusorie, capricciose. Come i mazzolini di fiori di campo che abbiamo raccolto in una passeggiata: tanto freschi, giovani e pimpanti erano in terra, quanto sfiniti, mollicci, lessi risultano nelle nostre mani. Se non vogliamo votarci alla delusione sarà bene studiare un rimedio.

Riguardo all’ispirazione data dai giardini che si trova a visitare, H.G. lamenta la mancanza di “sense of place”: la sensazione che ogni cosa sia nel posto giusto e in armonia con ciò che la circonda, in poche parole la percezione che abbiamo sempre quando siamo in un paesaggio naturale – e la distingue dal genius loci che è più legato alla storia e allo spirito di un luogo sedimentato nel tempo. Ha a che fare con l’atmosfera, la luce, la congruità delle scelte, perché il giardino è un’entità ecologica di cui l’uomo è parte inestricabile; il delicato, difficile equilibrio che si crea tra esseri senzienti e piante

Gardens are by definition dynamic environments. Because there are constant interventions, the natural succession – or in other words nature’s attempt to establish equilibrium – is repeatedly interrupted.
Nevertheless, you sometimes encounter breathtakingly beautiful gardens that are the result of their guardians’ unremitting diligence.

E non esistono risposte facili che risolvano la questione una volta per tutte. Per quanto possiamo trarre ispirazione dal paesaggio, mai potremo ricavare lo stesso piacere con la pedissequa imitazione delle consociazioni vegetali spontanee

A wild plant community, however, cannot be imitated in the limited space of a garden without punishment. At best, it summons a feeling of alienation and at worst an inclination to laugh. An imitation prairie stripped of the vastness of its landscape setting is as ludicrious as an imitation rock in a flat Dutch back garden.

È ben diverso godere della vista di una prateria negli spazi immensi che la accolgono e le danno senso, rispetto agli spazi angusti di un giardino che ne comprimono la visione e l’ampio respiro.
Naturalmente è possibile prendere ispirazione dalle praterie, ricrearne l’atmosfera, imitarne le tessiture, costruire soprattutto dei rimandi con la realtà della natura che sperimentiamo nel quotidiano; insomma, non è mai facile.

to be continued…

 

The Planthunter

Sto leggendo il libro di Georgina Reid (foto di Daniel Shipp), The Planthunter, Timber Press. Come dicevo su Instagram, è una lettura quasi per parole chiave: verità, bellezza, caos e piante; ma soprattutto all’interno, più in piccolo, ci sono parole che risuonano meglio e chiariscono alcuni concetti del nostro rapporto con le piante, la natura, il giardino e la cura di esso.

Al momento mi sono fermata a quel che dice David Whitworth:

“In a way, gardeners are always building to a point that never arrives. I often think I’ll fix something and then just sit back, have a cup of tea and enjoy it, but it doesn’t happen. I’ve realized I prefer the rearranging, the tending, the watering. I think “to tend” is my favorite verb. It implies that you are creative, or nurturing, but almost invisibly so. It’s also aspirational. To tend is to sustain a state of caring.”

Per certi versi, essere giardinieri è costruire senza arrivare mai alla fine. Penso spesso che ultimerò un lavoro e poi mi siederò tranquillo a godermi una tazza di tè, ma non succede mai. Mi sono reso conto di preferire il riordino, la cura, il dare l’acqua. Credo che “prendersi cura” sia il mio verbo preferito. Chiama in causa la creatività, il nutrimento, ma in maniera quasi invisibile. È un’ispirazione. “To tend” è sostenere nel tempo la cura.
Mia libera, discutibile traduzione.

To tend in inglese può essere anche detto condurre e servire, nella doppia accezione che ci vede al comando – per così dire – ma anche assoggettati a quel che comandiamo. Che con le piante è una condizione comune e imprescindibile.

The Garden (e i porcospini)

Le giornate iniziano a farsi fredde e corte, così si ha tempo per leggere di più. L’ho già nominata altre volte, ma The Garden – la rivista della RHS – offre sempre spunti interessanti, utili e importanti, basati su ricerche sul campo che spesso durano anni. Ovviamente non è interamente disponibile online, ma ci sono molti articoli in pdf sul sito. Direi: cliccate e leggetene tutti ;)

PS: sul numero di ottobre 2018 c’è un invito a dare il benvenuto ai porcospini nei nostri giardini; così, per dire.

Informatore Coop

Se siete soci Coop magari l’avete già ricevuto alle casse, se non lo siete potete leggerlo liberamente sul loro sito, sta di fatto che a pagina 42 ci sono alcune delle mie margherite!
Tenete presente che le foto sono state scattate durante Murabilia dello scorso anno (per la precisione il 3 settembre 2017) e che adesso è il 3 febbraio e quelle stesse piante sono in riposo vegetativo: si risveglieranno questa primavera.

Ringrazio Càrola Ciotti per il taglio che ha dato all’articolo che è divulgativo, ma non banale – un buon compromesso tra pedanteria botanica e semplicità del quotidiano. Spero sia utile e vi piaccia!

nomi che cambiano

Ripetendo il mantra:

Scientific accuracy is important, but sometimes compromises have to be made.

(L’accuratezza scientifica è importante, ma talvolta qualche compromesso è necessario.)

appuntiamoci alcuni nomi scientifici di piante che sono/stanno cambiati/cambiando, cambieranno – questo pasticcio perché alcuni sono in mutazione già da tempo, ma incontrano qualche resistenza a essere memorizzati.

Vi rimando alla pagina di Guy L. Nesom in cui si fa una disamina dei cambiamenti nella famiglia delle Asteraceae/Compositae. Enjoy!

The Plant Magazine

Mi è arrivato il numero 10 della rivista The Plant Magazine (che prima si chiamava The Plant Journal).
Qui trovate alcune cose; naturalmente per leggerlo occorre acquistarlo.

The Plant Magazine

The Plant Magazine #10

Mi sembra inutile specificarlo – è abbastanza evidente – ma le cose di cui parlo qui non hanno un intento pubblicitario. Non ho una posizione in merito al marketing via web, a volte mi piace e a volte no. A volte è deprimente, altre volte intelligente e simpatico, penso che siamo ancora in una fase embrionale e sono convinta che prenderà direzioni inaspettate: mi incuriosisce.
Nella fattispecie, mi servirebbero delle cesoie ;)

Autumn Planting

Un articolo molto interessante su Dig Delve che illustra le piantumazioni autunnali del giardino. Non solo piante, ma anche note utilissime riguardo proporzioni, scorci e visione architettonica complessiva.

wild at heart

Ci sono questa canzone di Niccolò Fabi e questo articolo di Christian Raimo – se state vivendo un momento di tristezza, achtung!, magari non ascoltatela/leggetelo in sequenza ma fate passare qualche ora frivola tra una e l’altro – bellissimi.

E c’è questo libro

il cui sottotitolo DESIGNING PLANT COMMUNITIES FOR RESILIENT LANDSCAPES è rincuorante e apre nuovi modi di costruire un futuro umano appagante e inclusivo, incurante della rapacità di alcuni. Lo sto leggendo e mi sta insegnando tante cose che presto cercherò di fare vostre.

E poi c’è anche quest’altro libro

che voglio comprare al più presto.

Basteranno le giornate di pioggia?

PS: grazie a chi legge il sito e a chi compra le mie piantine! (L’imbarazzante verità è che vi voglio bene.)

erba volant e post wild world

Me li appunto qui così mi ricordo di comprarli:


sabato pomeriggio Renato Bruni era a VerdeMura, ma non sono riuscita a vedere la presentazione, mannaggia!


visto su Federal Twist, gente di cui mi fido.

The Plant #8

– Prima di tutto c’è un articolo ben fatto e illustrato sui giardini che i rifugiati siriani allestiscono nei centri di accoglienza in Giordania.

Un’intervista a Gilles Clément a proposito del giardino che ha creato a Melle, un piccolo paese a ovest della Francia, fra Nantes e Bordeaux: il Giardino d’Acqua e Ortica. Mi piace perché su The Plant le interviste sono lunghe e approfondite e spesso vertono sugli ultimi lavori o addirittura quello che verrà fatto nel prossimo futuro, non si limitano a ripercorrere la carriera di un paesaggista, ma lo incalzano sul presente.
Sul progetto e su G. Clément ho opinioni contrastanti e rimango irrisolta, però questo giardino lo vorrei vedere.

– Un articolo su un designer che non mi piace. Ma al momento ho grossi problemi ad accettare qualsiasi oggetto che abbia la pretesa di non deperire a breve – tutta roba che ci rimane tra i piedi per troppo, troppo tempo.

– Un approfondimento sul lavoro di Camilla Goddard, apicoltrice urbana a Londra.

– Un articolo davvero molto interessante sulla cura degli alberi nei giardini tradizionali del Giappone e la spiegazione dello stretto legame fra natura e cultura nel dispiegamento della bellezza di un giardino.

– Una visita a Chernobyl.

Georgia O’Keeffe.

– Un approfondimento sulla coltivazione del Ficus lyrata.

E molte altre cose, immagini, disegni – un po’ di materiale lo trovate qui.

The Plant Journal

Guardate un po’ cosa mi è arrivato:

"The Plant Journal"

THE PLANT #8

quando ormai avevo perso ogni speranza, ecco un bel pacchetto che mi aspetta alla buca delle lettere. Sono 160 pagine (le due di pubblicità sono solo in copertina, dentro è tutta ciccia) a un primo sguardo molto dense. Leggo e vi racconto presto.

PS: l’etichetta che vedete sotto al titolo della rivista è un mio discutibile intervento, non fa parte della grafica.

Approfitto di queste righe per augurare a tutti quelli che capitano qui un anno di novità e incontri fortunati!

Catalogo della Vita

Ogni tanto facendo lo slalom in rete si incontrano siti interessanti, e io mi sento proprio grata che esista internet e desiderosa di condividere. Soprattutto penso sia un mezzo potentissimo per parlare e trovare notizie su argomenti che coinvolgono meno persone rispetto alla pastasciutta – ciò detto, a me la pastasciutta piace molto. E poi chissà, magari un giorno andremo di moda anche noi impallinati con le piante e ci saranno siti con milioni di visite e agli orti botanici si entrerà solo con prenotazione di mesi e mesi prima; sarebbe bello e io voglio crederci.

Ci penso da un po’ e ancora di più mi è balzato agli occhi durante la serata A.Di.P.A.: perché non ci impegnamo tutti a fare proselitismo verde? Alla fine ci si trova sempre a parlare tra simili: io certo non dovevo convincere nessuno ad amare e conoscere le piante, i soci A.Di.P.A. sono bravissimi e ne sanno più di me. Per carità, è bello condividere, ma adesso abbiamo bisogno di crescere di numero. Semplicemente perché il posto dove viviamo sia accogliente, pulito, amato e curato, e più le persone conoscono la natura, più saranno rispettose e attente, anche capaci di opporsi con forza ad alcune pratiche considerate di prassi e mai messe in discussione (penso alle capitozzature, all’uso dei pesticidi un tanto al chilo, etc… ). Dovrebbe nascere la campagna “Porta con te un amico che non ne sa niente”: ad una mostra mercato, all’orto botanico, a rinvasare le orchidee, a dividere i mughetti, a seminare le zinnie, a cogliere i pomodori, quello che state facendo al momento. Amici, andiamo e moltiplicatevi!

Nella fattispecie, stavamo parlando di internet e siti interessanti. C’è il Catalogue of Life, un database online che raccoglie, con grande accuratezza scientifica, un’infinità di specie animali, vegetali e non solo. Voi inserite il nome (anche comune) nella stringa di ricerca e vi saltano fuori parecchie caratteristiche – ad esempio il luogo d’origine, che è sempre molto utile ai fini della coltivazione.
Oppure c’è la Lista rossa delle specie in pericolo di estinzione grazie alla quale conosciamo piante e animali che hanno difficoltà a sopravvivere nel proprio habitat – avreste mai detto che l’Armeria pseudarmeria fosse endangered?

Cabin Porn

Cabin Porn Book Trailer from Cabin Porn on Vimeo.

Capanni nella natura più o meno selvaggia.

Gardenia #372

Con Gardenia di questo mese è possibile acquistare, con un sovrapprezzo di 5,90 euro, il primo volume di “L’Enciclopedia del Giardiniere”, quarta edizione dell’Encyclopedia of Gardening redatta da Christopher Brickell e altri prestigiosi – prestigio guadagnato sul campo – collaboratori.
Devo dire la verità, ero in dubbio se comprarlo: ho tanti libri di giardinaggio e mi piace usarli, non lasciarli a fare mostra di sé sugli scaffali. Mi chiedevo se davvero rappresentasse qualcosa in più delle enciclopedie che già utilizzo, alla fine ho pensato che potessero essere nominate le cultivar più recenti e l’ho preso. Bene, sono soddisfatta.
All’inizio c’è un sommario che illustra l’opera intera, ve lo riporto qui, così potete vedere come sono suddivisi gli argomenti e magari trovare proprio quel che cercate.

VOLUME 1
Parte prima: creare il giardino
– progettazione e disegno
– descrizione dettagliata (guida alla scelta in base alle esigenze, stagionalità, preparazione del terreno, cure colturali, potature e allevamento, propagazione) divisa in macrocategorie: alberi, arbusti, rampicanti, rose, perenni, annuali, biennali e bulbose.

VOLUME 2
– giardini rocciosi, di ghiaia e di pietrisco
– giardini acquatici
– giardinaggio in vaso
– cactus e succulente
– giardinaggio da interni
– il tappeto erboso
– piante aromatiche
– piante da frutto.

VOLUME 3
– coltivare gli ortaggi
Parte seconda: manutenzione del giardino
– gli attrezzi
– serre e cassoni vetrati
– strutture e superfici
– clima e giardini
– terreni e fertilizzanti
– principi di propagazione
– malattie delle piante
– cenni di botanica.

Mi piace infine riportare le parole di Elizabeth Banks, presidente della RHS fino al 2013:

Questa edizione riveduta e corretta comprende aggiornamenti su molti temi: da come richiamare in giardino gli insetti impollinatori a come realizzare tetti e pareti verdi. Nuove sezioni su come coltivare frutta e verdura in contenitori indicano i modi migliori per crescere gli ortaggi da mangiare a casa anche in spazi minimi. Vi sono poi informazioni sul clima e sulla rusticità delle piante e altre notizie utili. A me piace soprattutto il capitolo Malattie delle piante, aggiornato da esperti del giardino di Wisley, nel Surrey, che ora contiene una preziosa guida visiva per diagnosticare più facilmente qualsiasi malattia.

E.B. mette in rilievo in poche righe le tematiche che riguardano il giardinaggio contemporaneo, soprattutto la necessità (ma vorrei dire anche la gioia) di lavorare in sinergia con le forze naturali e il piacere di coltivare anche in piccoli spazi, più o meno urbani.

… e naturalmente non potete farvi sfuggire i consigli per la semina delle verbene a pag. 152 della rivista!

evoluzione delle piante #2

Continua da ieri:

Pure le antenate delle solanacee erano tossiche, per difendersi da funghi e insetti, ma grazie alla modificazione genetica inconsapevole oggi mangiamo melanzane (dall’Africa), patate (dalle Ande, dove ancora resistono 5 mila varietà differenti), pomodori e peperoncino (dall’America centrale e meridionale).
In questa storia di geni prima della genetica, per prima venne la Mezzaluna Fertile: la regione dei monti Karakadag in Turchia ospita ancora quello che la biologia molecolare ha mostrato essere l’antenato comune di tutte le varietà di frumento oggi coltivate. Tuttavia la domesticazione delle piante avvenne in più luoghi della Terra indipendentemente, forse persino sei o sette volte in un periodo compreso tra 11 mila e 7 mila anni fa, interessando di regione in regione le diverse specie localmente disponibili. Da questi nuclei originari si diffuse poi in due modi: con l’apprendimento delle tecniche e il trasferimento culturale, oppure con l’espansione demografica dei coloni agricoltori. Le piante coltivate fecero grandi viaggi planetari, soprattutto grano, mais, riso, legumi e piante da frutta (la prima fu il fico), ma anche cacao e caffè. Le grandi ricette della cucina italiana sono a base di piante provenienti da tutto il mondo.

°*°*°

Grazie alle piante coltivate il mondo non fu più lo stesso: la crescita della popolazione innescò colonizzazioni, meticciati e conflitti. L’accumulo di risorse permise la nascita di ceti non produttivi: i politici e i burocrati, i soldati, i sacerdoti, gli artigiani, gli scribi e gli intellettuali. La maggiore disponibilità di cibo produsse un aumento della densità di popolazione, che a sua volta incrementò la domanda di coltivazioni. Eppure noi oggi pensiamo che l’agricoltura sia il dominio del “naturale” per eccellenza. In realtà fu il momento in cui per la prima volta l’Homo sapiens riuscì a far produrre agli ecosistemi ciò che naturalmente non avrebbero mai generato. Fu a tutti gli effetti una forzatura del gioco evolutivo. Un vigneto in Toscana o i terrazzamenti delle risaie in Laos oggi ci sembrano l’emblema di paesaggi integri e naturali, ma sono il frutto di migliaia di anni di interventi umani. Nell’evoluzione umana il confine fra naturale e artificiale ha cominciato a sgretolarsi migliaia di anni fa e oggi è impossibile da tracciare.
Se adottiamo uno sguardo evoluzionistico, scopriamo qualcosa di ancora più sorprendente. Noi non coltiviamo le querce e non mangiamo le ghiande (sono amarissime). Solo poche migliaia di specie vegetali sono commestibili, e poche centinaia sono state addomesticate. Affinché convenga investire tempo ed energie per coltivarla, una pianta deve essere ricca di sostanze nutritive, produrre raccolti abbondanti e accessibili, avere una crescita veloce. L’accoppiata di cereali e legumi, per esempio, è un’ottima fonte di energia a base di carboidrati e proteine. Il sapore non deve essere eccessivamente amaro, né il frutto o il seme eccessivamente duri. Possedere o meno queste caratteristiche mise in competizione involontaria le specie vegetali fra loro nell’essere più o meno appetibili per i primi agricoltori. In pratica, alcune piante ci hanno “usati” come veicolo di diffusione e hanno avuto un successo globale. Non solo, le piante si sono coevolute con noi e hanno cambiato la nostra fisiologia, attraverso l’alimentazione, la medicina, la cosmesi, le sostanze psicotrope, le spezie, i tessuti, gli innumerevoli materiali di origine vegetale (dal legno alla carta alla gomma). Insomma, noi pensiamo di averle addomesticate, ma forse sono loro ad avere addomesticato noi.

evoluzione delle piante #1

Ho pensato che trascrivendo qui l’articolo per intero forse diventiamo tutti più colti, intelligenti e preparati – ho detto forse.

Mais, mandorle, mele. Così la mano dell’uomo ha pilotato la natura
di TELMO PIEVANI

Tutto cominciò quando i ghiacci iniziarono a ritirarsi. Intorno a 11 mila anni fa i rigori glaciali allentarono la presa e le popolazioni umane impararono a coltivare alcune delle piante di cui già si cibavano allo stato selvatico. Non che prima non fosse successo nulla: gli archeologi hanno scoperto macine e pestelli, con i quali venivano preparate farine di tifa (una pianta palustre comune) per fare proto-gallette, in siti di Homo sapiens risalenti a 30 mila anni fa. Quindi nella notte dei tempi molti tentativi di stoccaggio, di semina e di lavorazione delle piante potrebbero aver preceduto la rivoluzione agricola.
Già i Neanderthal masticavano camomilla e sceglievano le piante giuste per disinfettare la bocca e lenire i dolori, ma solo i nostri simili capirono come selezionare le piante per i loro scopi, modificandole attraverso incroci mirati. Si chiama “selezione artificiale” e può trasformare radicalmente la morfologia e il genoma di una pianta: si scelgono a ogni generazione gli esemplari con le caratteristiche più favorevoli (frutti più dolci e carnosi, semi più facili da raccogliere) e li si fa riprodurre a scapito degli altri. La storia del mais, uno dei cereali più coltivati al mondo, mostra come i primi agricoltori fossero ottimi agronomi, e inconsapevolmente anche genetisti. In Messico, circa 8.700 anni fa, venne selezionata una varietà di teosinte, pianta selvatica cespugliosa che cresce nella Sierra Madre, con una particolare mutazione che riduce il numero delle sue ramificazioni. In questo modo le “pannocchie” (in realtà spighe, le infiorescenze femminili del mais) essendo meno numerose, sono diventate di dimensioni enormi (da un centimetro a quarantacinque). Teosinte e mais oggi sono due piante diversissime, ma il primo è il diretto antenato del secondo. Anche il popcorn ha radici antiche: già 6.700 anni fa gli abitanti della costa settentrionale del Perù mangiavano il cereale gonfiato come spuntino.

*°*°*

Risultato: compaiono stranezze genetiche come mele domestiche (il cui progenitore vive nei monti del Kazakistan e Cina) con un diametro triplo rispetto alle selvatiche, piselli dieci volte più grossi, banane e clementine senza semi. Le mandorle sono geneticamente modificate da migliaia di anni. Quelle selvatiche di origine asiatica infatti sono letali. Contengono amigdalina, una sostanza che, oltre a conferire un sapore amarissimo, durante i processi digestivi si scinde a produrre cianuro: una manciata di mandorle “originali” basta per uccidere un uomo. Una mutazione genetica può però inibire nel mandorlo la produzione di amigdalina. Generalmente questi individui mutanti non si diffondono nella popolazione perché i loro semi vengono mangiati dagli uccelli. Un agricoltore attento deve essersi accorto della piacevole caratteristica di questi esemplari, magari osservando proprio il comportamento degli uccelli, e ne ha fatto incetta favorendone la diffusione, prima inconsapevolmente e poi seminandoli direttamente.

to be continued

domesticazione delle piante

Sulla Lettura – inserto domenicale del Corriere – di oggi c’è un articolo interessante (ho controllato e al momento non compare online) di Telmo Pievani sulla “coevoluzione”.
Appunto qui la bibliografia essenziale sull’argomento che correda l’articolo, appena ho tempo ne parlo più diffusamente.

Jared Diamond ricostruisce i processi di domesticazione delle piante in Armi, acciaio e malattie (Einaudi, 1997). Sui percorsi delle piante dopo la scoperta dell’America: Alfred W. Crosby, Lo scambio colombiano (Einaudi, 1992). Su una pianta particolare: Mark Pendergrast, Storia del caffè (Odoya, 2010). Alla coevoluzione fra le piante e l’uomo è dedicato il “Giardino della biodiversità”, il nuovo science center dell’Orto botanico di Padova.

THE PLANT 7

Come vi avevo anticipato, due parole sul nuovo numero di THE PLANT (purtroppo il sito non è stato aggiornato di recente e riporta ancora la vecchia copertina).

Sul web c’è un’intervista interessante a Cristina Merino, l’editor in chief, che spiega un po’ le ragioni della pubblicazione, sostanzialmente soddisfare la curiosità sulle piante che scaturisce in maniera naturale quando le guardiamo davvero. E non occorre avere un giardino, un rastrello, leggere un manuale di orticoltura, l’orto sinergico, il cappello di paglia, basta accorgersi di una pianta e iniziare a farsi delle domande. Così entriamo leggeri e curiosi in una specie di mistero che ha poco a che fare sia con la versione svenevole che con quella agiata del giardinaggio mainstream, ma molto più interessante e vivace, più creativa e in divenire. O forse, in una parola, è un approccio giovane alle piante, che non vuole dimostrare altro che una genuina apertura verso la natura, niente status symbol, niente sfoggio di nomi o abilità particolari. È come se la lezione fosse stata assorbita nel profondo: con le piante siamo noi a dover cedere qualcosa, a dover osservare e capire, a dover aspettare o cambiare piani e progetti; l’educazione dell’uomo alla natura è preziosa, è una sottomissione dolce a qualcosa che riconosciamo grande almeno quanto noi.

Ricordo di aver letto in Scritto di notte di Ettore Sottsass della rivista ideata da Allen Ginsberg e autoprodotta con E.S. e Fernanda Pivano e altri amici artisti, “Pianeta Fresco” (che titolo imbattibile!) – se fate una ricerca approfondita su internet ne trovate alcuni pezzi e numerose illustrazioni. È poco più di una fanzine, uscita in soli due numeri fra il 1967 e il ’68, molto datata e legata al mondo beatnik, ma che, almeno nello spirito e nella libertà di invenzione, anticipa le iniziative editoriali indipendenti di oggi.
È un po’ questa la ricerca che fanno a THE PLANT, il tentativo di alleggerire il linguaggio, di portare novità nelle immagini, di far affiorare le energie nuove che ci muovono, l’esigenza del “pianeta fresco”, meno corrotto e inquinato.

Faced with the need of being constantly updated and in the latest trend, people look for quieter, less artificial lifestyles, not only in the domestic and quotidian but also in the field of creativity. Given that they work with a special sensitivity and seek new meanings in their surrounding environments all the time, artists and creative people are promoters of this movement.

Cristina Merino lo dice qui.