Archive for the 'in giro per l’ Italia' Category

Page 2 of 3

a proposito di fiere

Finalmente ho aggiornato la pagina delle mostre mercato. La novità è che parteciperemo ad Harborea a Livorno, la festa dei giardini d’oltremare – una nota esotica molto persuasiva, direi. Il secondo cambiamento riguarda Murabilia e lo vedete bene dalla cartina:

i baluardi coinvolti saranno soltanto due (San Regolo e La Libertà), con la passeggiata di mura che li divide (o unisce, questo dipende dal bicchiere mezzo pieno/vuoto), il Giardino Botanico e la sortita Cairoli. Si tratta in parte di un ritorno al passato – e alla ragionevolezza: l’anno scorso siamo tutti impazziti per colpa dei quattro baluardi – e in parte di legare ciò che succede sulle mura al contesto della città – non è banale l’annessione della sortita che si trova a livello strada e facilita gli scambi sopra/sotto.
Vedremo, comunque a me già da ora sembra una cosa ganza.

una vera festa!

il lavandeto di Assisi

Lavanda fiorita in pieno campo

Come mi trovo spesso a dire e consigliare, le piante perenni – le piante in generale – andrebbero viste nel pieno della loro vitalità, quindi nel portamento/comportamento a terra. I colleghi del lavandeto di Assisi offrono l’opportunità di vedere le loro coltivazioni sia questo fine settimana, sabato 23 e domenica 24 – con la nostra gradita partecipazione – che il prossimo (30 giugno e 1° luglio).
Se fate scorrere la pagina web troverete tutte le proposte – che sono moltissime e, sono sicura, ben organizzate – di Lorena e Gino; nel mio piccolo porterò una selezione di fioriture estive che possono ben inserirsi tra una lavanda e l’altra.

aggiornamento

È stata aggiornata la pagina delle mostre mercato.

ubiquità

Ma quest’anno si sono messi tutti d’accordo per fare TUTTE le fiere il 14 e 15 aprile?!

Scusate il mini-sfogo-tweet.

Tre giorni per il giardino – XX edizione


giovedì 28 aprile ore 14 – 18
venerdì 29, sabato 30 aprile
e domenica 1° maggio ore 10 – 18

fiere 2011

E’ stata aggiornata la pagina delle Mostre Mercato. In particolare, segnaliamo la novità di “E’ la via dell’orto” nel comune di Camaiore (LU), sabato 9 e domenica 10 aprile. Si tratta di una fiera nata l’anno scorso e organizzata con la collaborazione dell’architetto Vitaliano Biondi, l’imbattibile mattatore di “Piante e Animali perduti” di Guastalla (RE).

appuntamenti 2011

Come ogni anno, la verace Mimma Pallavicini ha pubblicato l’elenco degli eventi riguardanti il giardino. Se avete ulteriori segnalazioni, potete mettervi in contatto con lei.

Nota: riguardo alle nuove annuali del post qui sotto, ricordo che il form rimarrà attivo ancora un paio di giorni e poi verranno sciolti gli indugi e indicata la produzione 2011. Mille grazie a chi ha partecipato.

fiere: my two cents

Sono finite le fiere, almeno per noi, ed è un grande fardello che viene posato a terra, per la felicità di schiena e giunture. Sono alla scrivania e alla mia destra vedo l’elenco con le date man mano depennate: VerdeMura – via, Pisa – via, Belfiore – via, Parma – via, Masino – via, Orticola – via; tocchiamo terra, tutti interi, casa madre. La prima considerazione: ma che cavolo di freddo ha fatto?!, non ricordavo una primavera così maledettamente fredda da anni. La pioggia sì, quella mi piace, è fresca e rigenerante e fa le piante più belle; le campagne che abbiamo attraversato erano lussureggianti, verdissime, una messe di buone intenzioni, ma il freddo non me l’aspettavo ancora così puntuto, come un dito che ci ricaccia nell’inverno. Proprio ora che scrivo è uscito un raggio di sole, ci possiamo credere?

Tanta voglia di tornare al vivaio, che visto da lontano sembra il posto più bello del mondo. Perché secondo me il vero attaccamento si misura dall’odio che è in grado di suscitare. Perché a volte sento solo la poetica dell’entusiasmo a cottimo e non riesco a crederci fino in fondo, stento a credere che una persona il ventidue di luglio ami stare immersa nel caldo appiccicoso che fa solo sudare e venire brutti pensieri, piuttosto che tuffarsi nel mare blu o passeggiare tra gli alpeggi. Perché il vivaio è anche quello. Ma anche arrivare la mattina presto e vedere le nuove piantine spuntate, un fiore che era sfuggito al controllo quotidiano, un cliente per scambiare due chiacchiere, il gatto bianco (che a volte penso sia solo un’illusione, nessuno oltre me l’ha mai visto), le schiarite improvvise, il temporale forte sulla serra, un filo d’aria quando proprio ce n’è di bisogno, i Thalictrum spontanei del rio, etc etc. E il raggio di sole rimane dietro una coltre di nuvole e mi telefonano per una fiera a settembre, ma i mercati autunnali sono molto meno tesi delle corse primaverili. In autunno non c’è l’assillo del vivaio, c’è tutta la produzione nuova di zecca, le graminacee sono grandi e si spiegano da sole, le mie americane preferite sparano in alto i fiori, c’è Murabilia, ricomincia la scuola, si intuisce l’inverno in lontananza, nella guazza che bagna i piedi. L’autunno è dolce e conciliante tanto quanto la primavera è aspra e repentina.

Ma si parlava di fiere e io penso una cosa forse sgradevole, ma credo abbastanza vera: se le fiere vivono una crisi creativa è colpa del mancato rapporto di mutuo stimolo fra tutti gli attori in gioco – vivaisti, organizzatori, pubblico (sia privato che di addetti ai lavori), stampa specializzata. Non so se questo rapporto ci sia mai stato, ma sarebbe ora che ci fosse e fosse vitale e prepotente come un inclemente acquazzone che colpisca indistintamente tutti. E parlo di me per prima, non si pensi che la mia critica arrivi dall’alto di una posizione inattaccabile. Un esempio delle mie (ahimè) numerose negligenze, l’altro giorno ad Orticola ho venduto una (molte?) Phlomis russeliana senza cartellino e la spiegazione è facile quanto imbarazzante: io la conosco e distinguo molto bene, quindi, con la scusa della fretta, preparo un paio di cartellini e alcuni esemplari rimangono “innominati”, spesso me ne accorgo e lo aggiungo dopo, a volte invece le lascio andare libere e sconosciute. E’ giusto? Beh, è comprensibile, ma senza dubbio non è giusto e un’organizzazione serrata me lo farebbe notare. Oppure, mi sembra che l’elenco degli espositori che viene dato all’ingresso a Murabilia sia scarno, mi piacerebbe fosse spartano, ma informativo. Mi piacerebbe che ad Orticola ci fossero granate (scope) e rastrelli a disposizione per sistemare il proprio stand e appianare le buche. Vorrei più carrelli a Masino. E sono le prime stupidaggini che mi vengono in mente.

Ma la cosa che vorrei davvero è un po’ di curiosità e il coraggio – mi fa ridere tirare in ballo una parola così esagerata e sovradimensionata rispetto al tema – di scegliere qualcosa di diverso: una pianta sconosciuta, un accostamento ardito ma personale, un testacoda estetico, una frenata improvvisa davanti a tre foglie. Perché sono belle le aquilegie fiorite in primavera e i Miscanthus spigati in autunno, ma le barbe appena spuntate portano con sé il fascino della natura segreta. Ed è questo che si è un po’ perso alle mostre mercato, la quieta ricerca del segreto della natura, la bellezza che ci commuove, il tutto insieme al giusto e sacrosanto guadagno – perché, va detto, senza un margine di guadagno è difficile fare sperimentazione, si fa solo mercimonio di buoni sentimenti.

Forse si potrebbe iniziare chiedendo a ciascuno di porre in evidenza – in un apposito spazio dello stand, magari sotto alla dicitura dell’attività, sopra ad un piedistallo appositamente studiato, magari offrendo dello spazio in più gratuito (!) – da una a tre piante non fiorite ma ugualmente meritorie di attenzione.

Ok, ora potete iniziare a tirare le pietre.

il buon vivere

Mi è arrivato il programma degli incontri organizzati da Spiazzi nell’orto giardino delle Zitelle alla Giudecca (Venezia).
Avevamo già  parlato di Spiazzi Verdi e, a vederlo ora, quasi non si crede ai passi da gigante che hanno fatto nella cura della loro parcella.

E’ da apprezzare, insieme a tutto il resto, la freschezza della comunicazione su cui fanno viaggiare le notizie; l’uso parco e controllato delle parole “sostenibile”, “ecologico” o “bio-qualcosa” e mille altre espressioni che nel corso del tempo e degli abusi somigliano di più a una fregatura che ad una azione vera.

A tutta prova, il ciclo di incontri a partire da venerdଠ26 febbraio fino a domenica 6 giugno, si intitola:

e qui trovate il pdf che specifica le date delle iniziative.

anno nuovo, fiere nuove

Stiamo decidendo le fiere di giardinaggio alle quali parteciperemo quest’anno, a partire dal mese di marzo. A breve la pagina delle mostre mercato verrà  aggiornata con le nuove date.

primavera 2010

Mimma Pallavicini si è spesa in, immagino, un lavoro lungo e ingrato di verifica di numeri di telefono, date, indirizzi e varie corrispondenze sia web che fisiche, per regalarci un elenco davvero completo degli

Si parla quindi di mostre mercato già  consolidate, piccole fiere in centri minori animate da tanta passione e manodopera ruspante, corsi di coltivazione, congressi, associazionismo; insomma, che siano horti, Plant and Design, scambio di semi, plantarum, caccia all’uovo pasquale, plant vivaces, ce n’è per tutti i gusti e, soprattutto, ovunque voi siate.
Grazie Mimma!

alla fine della fiera

Stiamo aggiornando la pagina delle mostre mercato. Alcuni appuntamenti sono ancora da definire, verranno fornite ulteriori informazioni man mano che le date saranno sicure.

Breaking news!
La bella Fiera del Fiori che si svolge a Roma, presso l’Auditorium, il terzo fine settimana di maggio, avrà  cadenza biennale a partire dal 2010.
Qui di seguito è parte del messaggio che è stato inviato agli espositori:

(…) con grande soddisfazione ed entusiasmo siamo lieti di annunciarti che la Fiera dei Fiori diventa biennale! Il prossimo appuntamento è quindi fissato fin d'ora per il 14 – 15 – 16 maggio 2010.
E' stata una scelta sofferta quella di rinunciare all'edizione del 2009, ma lo facciamo consapevoli delle prospettive future di crescita e delle opportunità  che ci aspettano non solo nel contesto nazionale ma soprattutto in quello internazionale.
Confidando quindi nel tuo sostegno e nella tua presenza, ti terremo costantemente informato sugli sviluppi e sulle novità  della Fiera dei Fiori 2010. Il nostro Staff sta già  lavorando con l'entusiasmo di sempre per una edizione biennale ancora più ricca di contenuti.
Ti invitiamo quindi a visitare il nostro sito internet che sarà  aggiornato con tutti i dettagli a partire dal 1° marzo 2009
(…)

vivacità 

Purtroppo non ho molto tempo da dedicare al sito, siamo arrivati al famigerato periodo dell’anno in cui gli impegni diventano inderogabili. Ovunque si posi lo sguardo o cada il pensiero c’è da fare: i fine settimana sono presi dalle mostre mercato e i giorni in mezzo sono assorbiti dal vivaio. Il resto va a letteralmente a rotoli.

Nella concitazione mi viene in mente un’immagine che vidi qualche mese fa, per caso, dando uno sguardo al sito dell’associazione Hortus Magnus di Salerno. La foto è questa e ritrae un gruppo di signore in compagnia di Ippolito Pizzetti. Bene, le prime due signore sulla sinistra erano a Lucca il sabato di VerdeMura a diffondere un po’ del loro irrefrenabile genuino entusiasmo tra i banchi della fiera! Un grazie alle associazioni – e sono numerose e vivacissime – che si dedicano alla cultura del giardino e dell’ambiente nel nostro paese.

fiere

Di ritorno da tre fiere consecutive baciate dal sole, scompigliate dal vento e rallegrate da tanti visi noti oppure conosciuti di fresco, sono a casa a guardare il musetto curioso del mio gatto e a sistemare le infinite burocrazie che dannano noi adulti. Ricevute, indirizzi, bollettini postali, debiti, crediti, il prosaico Monà²poli della vita quotidiana.

Non mi lamento: le fiere sono state bellissime. Dalla più raccolta, Calvi dell’Umbria, piccola ma allegra e percorsa da una armonia rara. Gentili le persone del posto, sempre pronte a dare una mano (anche quando dare una mano significa spingere un carrello per duecento metri in salita!).
Murabilia… che dire di Murabilia? Ormai vi sarete annoiati di sentir raccontare di quanto è bella, quanti espositori di qualità  conta, quanta passione gira in mezzo ai banchi, che zucche straordinarie esibisce. Insomma: 5, 6 e 7 settembre 2008. Oppure Verdemura, alla sua prima edizione, dal 28 al 30 marzo presso il baluardo S. Martino e la piattaforma S. Frediano (nota: non è lo stesso tratto di mura di Murabilia).
E Villa Lante a Bagnaia; consiglio a tutti di visitare la villa ancor prima di mettere piede alla mostra. Io la visitai un lunedଠmattina in piena solitudine (di lunedଠè chiusa al pubblico, ma io ero lଠa sistemare il furgone e sono sgattaiolata via eludendo la sorveglianza), accompagnata solo dal suono dell’acqua nelle fontane. Mi emozionಠtanto che non volli più ripetere l’esperienza per paura di guastarne un ricordo cosଠtondo.

Le fiere d’autunno, per ciಠche riguarda le perenni, sono le più belle. In primavera c’è la gioia frenetica del risveglio, il desiderio di accaparrarsi tutto e vedere il giardino compiuto. In autunno – la mia stagione preferita – si mette a dimora con un atteggiamento di maturo distacco, consapevoli dell’inverno venturo che porta mele croccanti e curiosità  da trattenere.

un nuovo appuntamento

Sabato 1° e domenica 2 settembre saremo a Calvi dell’Umbria (in provincia di Terni) alla settima edizione della mostra “Tra pomi e fiori”.

Ne parlavo anche lo scorso agosto qui e quest’anno, grazie al fatto che settembre ha un fine settimana in più, riusciamo a partecipare e ne siamo ben lieti.

Il Verde Piano

Sabato 30 giugno e domenica 1° luglio saremo alla prima edizione della fiera Il Verde Piano a San Giorgio di Piano in provincia di Bologna. Sul sito potete vedere gli espositori, gli orari, il programma e gli alberghi convenzionati.

Per questa occasione ho pensato ad una micro-iniziativa: siccome ad ogni fiera si distribuiscono molti sacchetti di plastica (che sono bruttissimi e inquinanti, spesso incagliati ai rami delle siepi cittadine), perchà© non fare una scelta diversa e portarsi la propria borsa da casa? Una vecchia cesta col manico, una sporta della spesa, un sacchetto multifunzione del supermercato, un piccolo scatolone, una rete delle arance, un trolley con le ruote, eccetera.
Chi aderirà  all’iniziativa avrà  un piccolo sconto.

:-(

Partiamo per Santa Margherita Ligure in ritardo, ma ieri sera mi hanno rubato (al vivaio!) la borsa e stamane ho dovuto rifare e sostituire documenti e cellulare in tutta fretta.
– No comment –

fiere di primavera e d’autunno

Stiamo aggiornando la pagina delle mostre mercato.

Come è scritto all’inizio, cerchiamo di partecipare a molte fiere e, nell’ambito dei desideri, vorremmo essere presenti a tutte. Naturalmente questo non è possibile, soprattutto nel periodo primaverile, quando tutto è urgenza, necessità  e corsa contro il tempo. Speriamo comunque di riuscire ad aggiungere qualche nuova data.
Per ciಠche riguarda l’autunno, alcune date sono ancora in attesa di conferma, appena si avranno notizie certe verranno pubblicate e aggiornate.

Lucca e Bagnaia

Una bellissima Murabilia piena di sole, calore, contaminazioni che arricchiscono e atmosfera di festa e il terzo premio per la migliore progettazione dello spazio espositivo.

E domattina partenza per Viterbo
Villa Lante a Bagnaia (La Conserva della Neve)

settembre per fiere

Rossella Sleiter su IL VENERDI di Repubblica di questa settimana parla delle fiere nel mese di settembre. A parte quelle alle quali parteciperemo: Lucca, Bagnaia, San Casciano, Guastalla, ne nomina alcune che conosco per interposta persona e che purtroppo quest’anno non rientrano nei nostri spostamenti, ad esempio Calvi dell’Umbria e Meta di Sorrento – vale a dire Paola Serangeli e Francesca Bandinelli. Sono mostre mercato forse più piccole e (per ora) meno conosciute, ma molto curate come organizzazione e preziose come ambientazione. Bisognerebbe che settembre avesse almeno un paio di fine settimana aggiuntivi.