Archive for the 'fiere' Category

Page 2 of 5

sweet corn

Durante i “Tre giorni per il giardino” e “Orticola” saranno in vendita le piantine di mais dolce che ho seminato quest’anno. Si tratta di una selezione Demeter, la ‘Golden Bantam’ e di alcune varietà particolarmente dolci, o resistenti ad un clima più fresco o più caldo, oppure di taglia mini.

mostre mercato 2015

È stata aggiornata la pagina delle mostre mercato alle quali parteciperemo nel corso di quest’anno. Speriamo di essere in tanti e che vi piacciano le nostre piante!

E, mi raccomando, ricordate che nei fine settimana non occupati dalle fiere ci trovate in vivaio, lieti di incontrarvi. Qui i contatti e di là la strada.

Masino, autunno 2014

È arrivato un comunicato che riguarda gli orari della mostra-mercato di Masino per quest’autunno; ne do notizia qui, così che le persone interessate prendano nota:

venerdì 17 ottobre
ore 11.30 apertura per gli invitati e i soci FAI e Accademia Piemontese del Giardino
ore 14.30 apertura al pubblico
ore 18.30 chiusura

sabato 18 e domenica 19
ore 9.30 apertura
ore 18.30 chiusura

La fiera si chiama “Due giorni per l’autunno”, ma dall’anno scorso si svolge in tre giorni.

giugno fiorito

7-8 giugno 2014, a giugno nei vivai della lucchesia, le essenze di lea

Il prossimo fine settimana saremo al vivaio “Le essenze di Lea” per festeggiare i fiori di giugno. Quindi oggi e domani divertitevi pure al mare, ma sabato 7 e domenica 8 siate dei nostri!

aggiornamento fiere

È stata aggiornata la pagina delle mostre mercato.

nei dintorni di Firenze

Ringrazio le persone che hanno partecipato al corso di MondoRose e metto qui i nomi delle piantine che ho distribuito:

Cosmos bipinnatus ‘Purity Superior’
Eschscholzia californica
Phacelia tanacetifolia
Zinnia elegans ‘Envy’
Nigella hispanica

Avevo portato anche delle bustine di semi: oltre al Cosmos bianco, c’era un Cosmos rosso (‘Dazzler’), una margherita perenne Leucanthemum x superbum ‘Etoile d’Anvers’ e la Salvia farinacea ‘Victoria’.
Auguro a tutti un gran successo con le semine!

Per ciò che riguarda gli eventi in zona Firenze, che penso possano interessare alle persone del corso, mi sono dimenticata di nominare la fiera che si terrà a Villa Caruso Bellosguardo sabato 12 (ore 12/19) e domenica 13 (ore 10/19) aprile. Non so esattamente quali vivai parteciperanno – di sicuro MondoRose e Belfiore – però il giardino merita una visita (la struttura stessa del giardino, la statuaria, l’uso della pietra, forse anche il decadimento di alcune parti, creano un’atmosfera di antico splendore che coinvolge e forse fa riflettere) e l’ingresso è di soli tre euro.

Botanica - Villa Caruso Bellosguardo - Firenze

Anemanthele lessoniana ‘Sirocco’

Questa è la pianta che ha vinto il primo premio per le graminacee a Murabilia 2013:

Anemanthele lessoniana 'Sirocco'

Anemanthele lessoniana 'Sirocco'

È originaria della Nuova Zelanda e un tempo si chiamava Stipa arundinacea; sul catalogo dove ho acquistato i semi leggo che si tratta di una varietà che prende una tinta rosa e ambra più intensa rispetto alla specie.

Riporto qui quel che scrive Neil Lucas nel libro Designing with Grasses, Timber Press:

A most graceful and useful clump-forming evergreen that happily tolerates a range of conditions from full sun to fairly deep shade with apparent equanimity, even surviving under the canopy of established trees in the driest of conditions. Happy also in most soils except wet, this is one of the very few true grasses to accept such wide-ranging sunlight levels and as a result is much valued by gardeners, especially for dry shade. Forming extremely graceful mounds of leaves gently cascading from a central tight clump that does not split easily, the leaves follow a constantly changing pattern of greens, tans, oranges and reds, though in deepest shade they tend to remain green. Easy to establish. Masses of tiny pinkish red flowers on lax stems are produced profusely enough to cover the plant in a gauzy cascade of pink.

La motivazione del premio è: utilizzata in giardino in zone di ombra secca dove poche piante riescono a dare risultati. Sono molto contenta che abbia vinto una pianta e trovo più congeniale alle mostre di piante che, appunto, siano loro le protagoniste. Alla fine, riconoscendo il valore di una pianta, indirettamente si premia la scelta del vivaista, l’impegno nel riprodurla, il desiderio di proporre novità, le buone letture a tema, oltre che creare attenzione su determinate caratteristiche di coltivazione che magari passerebbero inosservate.
Grazie!

cinque margherite gialle

Qualcuno sa indovinare i nomi di queste margherite?

cinque margherite gialle - Asteraceae/Compositae

Asteraceae

Se lo sapete e avete voglia di mandare un’email, a Murabilia passate a ritirare un vasetto del nove di una di esse. Domani la soluzione.

Prego astenersi colleghi burloni.

invito

8 e 9 giugno 2013 - vivai Lucca

accorrete numerosi!

a Masino

Masino 2013 - selezione di merito - il posto delle margherite - tre giorni per il giardino - premio

4 maggio 2013

fiere d’autunno

Una novità che riguarda l’edizione autunnale: è prevista l’apertura dal venerdì pomeriggio alle ore 14,30. Devo dire la verità, questa comunicazione mi ha lasciata un po’ perplessa; anche ora sono qui con un’espressione tipo punto interrogativo.

È la via dell’orto

Siete pronti all’estate? Pare che inizi questo fine settimana, soprattutto a Camaiore.

VerdeMura news

Importante comunicazione da parte di VerdeMura:

le condizioni meteo degli ultimi tempi hanno, di fatto, compromesso l’utilizzo del baluardo S. Martino e degli spalti sottostanti. Per tale ragione l’organizzazione, al fine di salvaguardare le esigenze operative e logistiche degli espositori e di garantire la piena fruibilità dell’area da parte dei visitatori, ha deciso, in via del tutto eccezionale di prevedere una diversa sistemazione dell’area espositiva, concentrandola sulla passeggiata delle mura urbane a partire dal baluardo S. Martino fino alla piattaforma S. Frediano

Se andate sul sito – info visitatori – mappa della rassegna, trovate la posizione di tutti gli stand (noi siamo al numero 8, vicino all’ingresso di piazza S. Maria). In sostanza, dopo le piogge dei giorni scorsi, gli spalti esterni a prato sono impraticabili e giustamente l’organizzazione ha approntato un nuovo allestimento. Potete lasciare a casa gli stivali di gomma.

after Murabilia 2012

È solo il martedì dopo Murabilia e mi vengono un sacco di pensieri. Niente sulla fiera in sé, che è stata la solita, per me. Non ho grandi appunti, tranne piccole pulci che non ho neanche voglia di tirare fuori: sono le solite cose di logistica spicciola, le carrette, i cartelli, i percorsi – mi annoio anche solo a pensarci. Solo una cosa: perché le conferenze tutte in orario mercato?
[Spiegone per i poco pratici = se le conferenze sono in orario fiera, è difficile che chi è fisso al proprio stand si possa muovere e parteciparvi; allo stesso modo il pubblico è poco propenso a interrompere il giro di acquisti e meraviglia botanica.]
Ne riporto una parte:

Venerdì 7 settembre
ore 18.00 – Aloe. Dall’Africa a Boccanegra, Ursula Drioli Salghetti

Sabato 8 settembre
ore 11.30 – Adipa 25 anni e non li dimostra, Pasquale Naccarati, Angelo Lippi
ore 15.00 – Giardinaggio Italia/Gran Bretagna: due realtà a confronto, Christopher Brickell, Roy Lancaster, Jim Jermyn, Alison Jermyn, Carlo Pagani, Maurizio Usai. Coordina Guido Piacenza
ore 17.45 – Diario di un cacciatore di piante dei nostri tempi: viaggio in Korea, Bleddyn Wynn-Jones (Crûg Farm Plants)

Domenica 9 settembre
ore 11.00 – Trekking botanico in Nepal, Michel Lumen (Lumen Plantes Vivaces)

ce ne sono almeno un paio a cui avrei partecipato volentieri – nella fattispecie quella di sabato alle tre del pomeriggio, per non essere vaga. E naturalmente non sono l’unica, di sicuro condivido l’interesse con alcuni colleghi e parte del pubblico. Perché non si sposta almeno un evento al di fuori dell’orario della mostra, magari quello che si pensa possa coinvolgere più persone, magari quello che può suscitare un dibattito vero?

Perché alla fine mi sembra di notare che la produzione e il mercato di piante insolite (“speciali”, come dicono a Masino, con un’espressione felice) in Italia sia sempre più risicato, che si facciano sempre i soliti discorsi fino allo sfinimento, che le facce siano sempre quelle, al limite un po’ invecchiate (io per prima), che la passione vada bene come spunto iniziale ma non possa essere un surrogato della capacità (parlo dell’ambito lavorativo). Avevo scritto una cosa a questo proposito in una email che per l’occasione riesumerò dalla memoria del computer:

ho l’impressione che un vivaismo sano e maturo si nutra prima di tutto di professionalità e grandi numeri. È un vivaismo diffuso, capillare, di qualità, attento, professionale, che accontenta tutti non perché si piega alla maggioranza, ma perché ha così tante sfaccettature che ogni esigenza è corrisposta nel concreto. E ogni cosa è necessaria perché tutto l’insieme funzioni, servono e lavorano sia le grandi aziende generaliste che le piccolissime di nicchia, ma senza un’assurda gerarchia di buoni e cattivi, conta la qualità, e la qualità dovrebbe essere ovunque, nel piccolo come nel grande. Penso ad esempio al mercato musicale dove esistono e coesistono il mainstream e il mercato indie, oppure il cinema da multisala e d’essai; e le categorie non sono così separate: chi non ha avuto esperienza di orribili e pretenziosi film di nicchia e invece ottime commedie da botteghino? I livelli, in qualche modo, comunicano e si vitalizzano l’un l’altro. Perché nel grande sta il piccolo, per legge di natura. Un manipolo di adepti alimenta un rivolo troppo scarso che rischia di scomparire dietro ogni curva.

(Santocielo, come sono pomposa quando scrivo le email! portate pazienza.)
E questo stato di cose, l’esiguità di domanda e offerta, immiserisce anche le persone, sono convinta, le spinge ad attaccarsi ancora di più al loro piccolo orto, piccolo vivaio, piccola esperienza, perdendo di vitalità e acquisendo cinismo con il passare del tempo.

Non so, a volte ho l’impressione che le mostre mercato di giardinaggio siano come le riserve in cui vive il panda gigante “nascosto tra il fitto fogliame della foresta, l’animale vive un’esistenza solitaria, incontrando i suoi simili solo occasionalmente” (dal sito del WWF)…

le lumache la sanno lunga

Ora che Murabilia ci parla anche attraverso Twitter, vengo a sapere che le foglie delle Hosta sono commestibili.

Qui trovate una ricetta.

a proposito di fiere

Finalmente ho aggiornato la pagina delle mostre mercato. La novità è che parteciperemo ad Harborea a Livorno, la festa dei giardini d’oltremare – una nota esotica molto persuasiva, direi. Il secondo cambiamento riguarda Murabilia e lo vedete bene dalla cartina:

i baluardi coinvolti saranno soltanto due (San Regolo e La Libertà), con la passeggiata di mura che li divide (o unisce, questo dipende dal bicchiere mezzo pieno/vuoto), il Giardino Botanico e la sortita Cairoli. Si tratta in parte di un ritorno al passato – e alla ragionevolezza: l’anno scorso siamo tutti impazziti per colpa dei quattro baluardi – e in parte di legare ciò che succede sulle mura al contesto della città – non è banale l’annessione della sortita che si trova a livello strada e facilita gli scambi sopra/sotto.
Vedremo, comunque a me già da ora sembra una cosa ganza.

una vera festa!

il lavandeto di Assisi

Lavanda fiorita in pieno campo

Come mi trovo spesso a dire e consigliare, le piante perenni – le piante in generale – andrebbero viste nel pieno della loro vitalità, quindi nel portamento/comportamento a terra. I colleghi del lavandeto di Assisi offrono l’opportunità di vedere le loro coltivazioni sia questo fine settimana, sabato 23 e domenica 24 – con la nostra gradita partecipazione – che il prossimo (30 giugno e 1° luglio).
Se fate scorrere la pagina web troverete tutte le proposte – che sono moltissime e, sono sicura, ben organizzate – di Lorena e Gino; nel mio piccolo porterò una selezione di fioriture estive che possono ben inserirsi tra una lavanda e l’altra.

aggiornamento

È stata aggiornata la pagina delle mostre mercato.

ubiquità

Ma quest’anno si sono messi tutti d’accordo per fare TUTTE le fiere il 14 e 15 aprile?!

Scusate il mini-sfogo-tweet.